Medienmitteilungen italienisch

Il PLD grigione è lieto di constatare i rinnovati sforzi annunciati per promuovere l'idea di una "Porta Alpina". Fin dall'inizio il PLD.I Liberali Grigioni era convinto che la Porta Alpina, in quanto progetto visionario, avrebbe offerto un'opportunità unica per la Surselva e per l'intero Cantone dei Grigioni, sia dal punto di vista turistico che economico. Evidentemente, sulla decisione negativa del Consiglio federale dell'epoca (già nel maggio 2007!), le critiche massicce e la propaganda negativa dei media nazionali avevano ottenuto l'effetto voluto. La pressione sul Consiglio federale e sul Governo dei Grigioni era stata ovviamente più forte della decisione popolare avvenuta nello stesso Cantone dei Grigioni. Il PLD.I Liberali Grigioni ricorda il risultato chiaro della votazione di allora nei Grigioni, in cui la Porta Alpina fu approvata con ben il 70% delle preferenze. Certamente, all'epoca, anche la dirigenza delle FFS aveva condizionato le decisioni successive con il suo chiaro rifiuto.

Il sospetto che il governo dei Grigioni nel maggio 2007 avrebbe rinunciato o sarebbe stato costretto a rinunciare alla lotta per la Porta Alpina soprattutto per motivi finanziari si era avverato, il che era ovviamente conveniente anche per il Consiglio federale. La popolazione, soprattutto la gioventù della Surselva, non se lo meritava proprio. Con la discussione in corso e gli sforzi dei politici dei Grigioni, il vento è finalmente cambiato. Questo ci rallegra. L'idea della Porta Alpina è nuovamente considerata positiva. Il sostegno sembra essere grande. Il PLD grigione continua a sostenere il progetto innovativo PORTA ALPINA. 

Ora spetta al Governo dei Grigioni promuovere e sostenere il progetto al fine di ottenere una svolta positiva a livello nazionale.

Silvio Zuccolini, Responsabile stampa

PLD.I Liberali Grigioni

Weiterlesen

Il PLD.I Liberali Grigioni ringrazia il Governo per l’elaborazione dettagliata e facilmente comprensibile dei possibili sistemi elettorali presentati nel rapporto sull'adattamento del sistema elettorale per il Gran Consiglio e la relativa procedura di consultazione.

I tre modelli proposti dal Governo tengono conto dei parametri richiesti dal granconsigliere e presidente del PLD cantonale Bruno Claus in un incarico presentato in Gran Consiglio. Come il Governo pure il PLD, dopo un esame approfondito di tutti i modelli, è giunto a conclusione che solo i modelli A, C e E sarebbero adatti ai Grigioni. Il PLD.I Liberali Grigioni condivide l'opinione del Governo secondo cui, nella scelta e nell'ulteriore sviluppo dei modelli, occorre tener conto della giurisprudenza del  Tribunale federale. Inoltre, il PLD chiede che vengano fatte delle proposte concrete al Gran Consiglio, affinché sia pure possibile regolare in modo adeguato l’elezione dei supplenti.

Allo stato attuale dei lavori il PLD sostiene in primo luogo il sistema elettorale misto (modello E) con una rappresentanza maggioritaria nella maggior parte dei vecchi circoli e una proporzionale nei circoli di Coira e Fünf Dörfer:

Questo sistema unisce i vantaggi del voto maggioritario per gran parte dei circoli elettorali. Solo per Coira e Fünf Dörfer si voterebbe con il sistema proporzionale. Applicando il sistema misto, l’ingerenza del Tribunale federale nella sovranità cantonale, risulterebbe relativamente limitata e le sue decisioni verrebbero attuate soltanto laddove è assolutamente necessario. Questo modello protegge inoltre il nostro Cantone dall’introduzione del sistema proporzionale doppio ed è quindi più facile da comprendere per la popolazione.

Silvio Zuccolini, Responsabile stampa PLD.I Liberali Bregaglia

Weiterlesen
Weiterlesen